HOME > NEWS > IL BABYWEARING? OTTIMO PER EVITARE PROBLEMI ALLE ANCHE E FAVORIRE IL CONTATTO GENITORE-FIGLIO

IL BABYWEARING? OTTIMO PER EVITARE PROBLEMI ALLE ANCHE E FAVORIRE IL CONTATTO GENITORE-FIGLIO

10.06.2021

hhhh

IL BABYWEARING? OTTIMO PER EVITARE PROBLEMI ALLE ANCHE E FAVORIRE IL CONTATTO GENITORE-FIGLIO  

A CURA DEL PROF.LA ROSA GUIDO

ORTOPEDICO PEDIATRA della Clinica Villa Pia

 

CHE COS’E’ IL BABYWEARING?

Portare il proprio figlio/a  addosso dalla nascita fino ai due tre anni di vita: ecco che cos’è il Babywearing, una vecchia pratica che sta lentamente tornando in voga con non pochi benefici per genitori e neonati.

E’ la maniera in cui molte popolazioni ( speso nomadi) sono da sempre abituate a portare i loro figli, per averli sempre controllo durante la vita giornaliera ( mentre cucinano, lavorano i campi ) allo scopo di evitare che si smarriscano o che si facciano male.

Si è osservato che in tali popolazioni la incidenza di malattie come la lussazione di anca è quasi vicina allo zero, e questo ha spinto a riconoscere nella particolare posizione assunta dal bambino “indossato” dalla madre la causa di questa bassa incidenza di tale malattia.

Il bambino infatti si trova “a cavallo” del fianco, o della pancia o del dorso della madre, con le gambe piegate e divaricate: questa è la posizione che il bambino ha nella pancia della mamma, ed è la posizione ideale per lo sviluppo normale dell’anca ( cosi’ detta posizione anatomica ).

 

COME SI PORTA IL BAMBINO?

Esistono diverse modalità di portare un bambino col marsupio o con la fascia:

  • Sulla pancia ( faccia a faccia )
  • Sul dorso
  • Sul fianco

Qualsiasi sia la scelta, la prima cosa da controllare è che il bambino stia con le gambe ben piegate  e ben divaricate ( posizione anatomica ) come illustrato nella figura 2 e 2A ; solo cosi’ favoriremo un naturale sviluppo delle sue anche.

Quindi  ATTENZIONE a tutti quei marsupi che promettono posizioni anatomiche, quando invece non lo sono. Se il bimbo ha le gambe “appese” ( Fig. 1 )  , non vanno bene.

 

 

 

Durante il primo anno di vita il fisico del bambino cambia in maniera prodigiosa ed è quindi importante accompagnarlo nel migliore dei modi in questo cambiamento , controllando che la posizione assunta sia fisiologica e non gli faccia prendere cattive posture.

 

Pertanto, superate le prime settimane, in cui ancora non si sono formate le curve di lordosi lombare e cervicale, e l’ intera colonna vertebrale ha una fisiologica forma di C , si dovra’ in seguito favorire la posizione in cui la fascia consenta al bambino di tenere il collo libero ed eretto e la parte lombare non sia obbligata ad essere piegata in avanti.

 

 

 

Alcune accortezze da osservare:

 

  1. la testa del bambino deve essere vicino a quella della madre tanto che la madre la possa baciare

 

  1. La testa del bambino deve essere eretta e non attaccata al suo sterno , per respirare bene
  2. La fascia posteriormente si deve arrestare alla base della nuca del bambino
  3. La schiena deve essere supportata e non lasciata rilassata
  4. Le ginocchia devono stare ad un livello piu’ alto del sedere  ( a forma di M)
  5. La fasciatura e’ avvolgente ma non deve essere troppo stretta
  6. La Fasciatura deve terminare sopra le due ginocchia, non sotto.
  7. Seduta profonda tra la mamma e il bambino

 

 

QUANTI TIPI DI SUPPORTI ESISTONO?

Una volta assicurati di aver preso un marsupio ergonomico ( che quindi non faccia stare il bambino con le anche “appese”) potete scegliere quello che vi risulta più comodo, facile da indossare per voi ed il bambino.

Alcuni permettono di portare il bambino solo sul davanti, la maggior parte consente di portarlo sia davanti che dietro e qualcuno anche di fianco a cavallo del bacino della mamma.

 

 

 

RAPPORTO TRA GENITORI E FIGLI

Soprattutto nei primissimi mesi il neonato si giova grandemente di uno stretto rapporto fisico con i genitori.

Il fenomeno, che va sotto il nome di imprinting affettivo , si basa sul contatto rassicurante, sulle affettuosita’ gratificanti e sul riconoscimento degli odori materni e paterni.

Sotto questo aspetto la posizione sul davanti appare nelle prime settimane piu’ gratificante perche’ consente un rapporto visuale piu’ ravvicinato.

In tale posizione si puo’ anche allattare o alimentare il bambino.

 

 

NORME DI SICUREZZA

Bisogna stare sempre vigili ed evitare che il bambino possa andare incontro a disturbi che ci passano inosservati.

Per questo, ancora una volta, nelle prime settimane soprattutto stare attente a seguire questi piccoli ma preziosi consigli:

  • La faccia del bambino deve essere ben visibile in modo da controllare che respiri bene.

Meglio quindi le posizioni sul torace o sul fianco della mamma.

  • Bocca e naso liberi per respirare, collo non piegato sul petto , utile la posizione della testa girata su un lato.
  • Buona posizione del tronco, evitando che assuma posizioni troppo curve in avanti
  • La testa abbastanza vicina a quella della madre, perche’ si possa sentire respirare il bambino e vezzeggiarlo con qualche bacetto sulla fronte.

 

 

 

 

Quindi, se avete scelto questo modo per portare il vostro bambino a spasso o quando state a casa ,non è affatto una cattiva idea e permettera’ a voi genitori di stabilire da subito un rapporto molto piu’ stretto con i vostri bambini.

 

Buone passeggiate !

 

 

 

 

 

 

Questo sito potrebbe utilizzare cookie per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Chiudendo questa notifica acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. Leggi di più