HOME > NEWS > LE ANEMIE: QUALI SONO E COME RICONOSCERLE

Le ANEMIE: Quali sono e come riconoscerle

21.04.2021

vita

LE ANEMIE : QUALI SONO E COME RICONOSCERLE                  

di Desirè Nica

 

L'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) indica che sono circa 700 milioni i malati di anemia nel mondo. Ma che cos’è L’anemia? E come è possibile riconoscerla?

Ne parliamo oggi con il Dott. Claudio Pozzessere, Primario del reparto di Medicina interna della Clinica Villa Pia.

 

Dottore, cosa si intende per anemia?

Per Anemia si intende una condizione in cui numero di globuli rossi presenti nel corpo non è sufficiente a trasportare abbastanza ossigeno e soddisfare i bisogni di tutti i diversi organi.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha definito che si parla  di Anemia quando i livelli di emoglobina arrivano ad essere inferiori a 14g/dl nell’uomo, a 12g/dl nella donna e a 11g/dl nella donna gravida.

Quando l’emoglobina arriva a valori inferiori a 8/mg, sarà considerata come anemia severa.

 

Quali sono le cause dell’anemia?

Livelli bassi di globuli rossi possono essere associati a problemi nella loro produzione (come nel caso dell'anemia aplastica) o nella loro degradazione (anemie emolitiche), a emorragie, a difetti genetici (come l'anemia falciforme e le talassemie) o ad altre malattie che la scatenano (dall'artrite reumatoide alla leucemia). Alcune forme di anemia sono associate invece a carenze di ferro o di vitamine.

 

Quali sono i sintomi tipici dell’Anemia?

L'anemia può essere inizialmente asintomatica. L'aggravarsi del problema invece  porta alla comparsa di sintomi tipici :

  • Stanchezza
  • Pallore
  • Battiti cardiaci irregolari o accelerati
  • Affanno respiratorio
  • Dolori al petto
  • Vertigini
  • Problemi cognitivi
  • Mani e piedi freddi
  • Mal di testa

 

C’è un modo per prevenire l’anemia?

Molti tipi di anemia non sono prevenibili con lo stile di vita, ma in alcuni casi è possibile ridurre la probabilità di sviluppare la malattia seguendo un'alimentazione ricca di:

 

  • Acido folico : ne sono ricchi gli agrumi, le banane, le verdure a foglia verde scuro, i legumi e i prodotti a base di cereali fortificati.
  • Vitamina B12: presente nella carne e nei latticini e si trova in alcuni derivati dei cereali e della soia fortificati.
  • Vitamina C, utile perché aiuta ad assorbire il ferro, si trova negli agrumi, nel melone e nei frutti di bosco.
  • Ferro può essere assunto con la carne, i legumi, i cereali fortificati, i vegetali a foglia verde scura e la frutta essiccata.

 

Quali sono i vari tipi di Anemia?

La riduzione dell'emoglobina può essere un problema temporaneo o cronico.

Possiamo distinguere alcune macrocategorie di anemie:

 

  • Anemia Mediterranea o Talassemia :

E’ una malattia del sangue ereditaria causata da un difetto genetico che provoca la distruzione dei globuli rossi.

 

  • Anemia da carenza di vitamine:

 

In questo caso, si ha una ridotta produzione di globuli rossi dovuta a livelli inferiori di alcune vitamine. A questo gruppo appartengono le anemie per carenza di vitamina b12 ed acido folico la cui terapia consiste fondamentalmente nella somministrazione delle vitamine di cui si ha carenza

  • Anemia da carenza di ferro:

E’ il tipo più comune di anemia.

Viene anche chiamata anemia sideropenica (dal latino sìderos = ferro e penìa = povertà). Nell’organismo non ci sono adeguati livelli di ferro e questo compromette il trasporto di ossigeno attraverso il sangue provocando, tra l'altro, stanchezza e fiato corto.

 

  • Anemia falciforme:

E’ una malattia genetica ed ereditaria del sangue. Il nome si deve alla caratteristica forma a falce o mezzaluna che viene assunta dai globuli rossi che ne ostacola il movimento attraverso i vasi sanguigni, rallentando o bloccando il flusso del sangue.

 

Quando è necessario rivolgersi al medico?

 

In caso di anemia è sempre bene rivolgersi al proprio medico, il quale provvederà a fare una diagnosi corretta ed organizzare una terapia idonea, in particolare se si è affetti da una delle malattie correlate a questo disturbo come ad esempio celiachia, Lupus erimatoso sistemico, insufficenza renale, policitemia, polipi intestinali, toxoplasmosi o alcuni tipi di cancro.

Il consiglio è sempre quello di non sottovalutare questo disturbo.

 

Questo sito potrebbe utilizzare cookie per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Chiudendo questa notifica acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. Leggi di più