HOME > NEWS > SLEEVE GASTRECTOMY:COS' E' E QUANDO SCEGLIERLA

SLEEVE GASTRECTOMY:COS' E' E QUANDO SCEGLIERLA

09.04.2021

Sleeve

Sleeve Gastrectomy: cos’è e quando sceglierla

 

                                                                                                                                                                                     Di Desirè Nica

 

Il percorso è dedicato ai pazienti colpiti da obesità grave, a cui si aggiunge la presenza di altre condizioni come il diabete, l’ipertensione arteriosa, le apnee notturne o gravi problemi articolari.

 

Il Prof. Simone Vita, che con la Sua equipe gestisce il centro di Chirurgia Bariatrica della Clinica Villa Pia di Roma, è stato uno dei primi in Italia ad occuparsi di chirurgia dell’obesità.

In una Sua precedente intervista abbiamo già parlato delle varie tipologie di intervento volte al miglioramento della qualità della vita dei pazienti obesi, che sono essenzialmente tre:

 

  • Sleeve Gastrectomy 47%
  • Bypass Gastrico36%
  • Mini Bypass Gastrico 10%
  • Palloncino intragastrico 7%

 

Dottore, come si sceglie il tipo di intervento da eseguire?

Scegliendo l'intervento migliore e specifico per quel singolo paziente.

Attraverso le sue abitudini di vita, il suo tipo di alimentazione, le sue condizioni psicologiche e le sue comorbilità, si potrà scegliere se eseguire un intervento chirurgico di tipo restrittivo, oppure un intervento misto restrittivo-malassorbitivo.

Come si entra a far parte del percorso per effettuare l’intervento?

Prima di valutare se e quale intervento effettuare, presso la Clinica Villa Pia si traccerà un quadro del paziente, la sua storia clinica e lo stile di vita.

Bisogna ricordare che la chirurgia non è mai la prima opzione. È necessario che il paziente dimostri che in passato abbia seguito un percorso nutrizionale e psicologico per correggere le proprie abitudini alimentari senza purtroppo avere un esito positivo. Serve anche un’idoneità psicologica oltre che fisica. Per questo il centro si avvale di una equipe multidisciplinare.

 

Approfondiamo uno degli interventi effettuati a Villa Pia, la Sleeve Gastrectomy. Che cos’è?

 

La Sleeve Gastrectomy è un intervento restrittivo: consiste in una resezione verticale parziale dello stomaco (gastrectomia parziale verticale).

La parte sinistra dello stomaco, che corrisponde circa al 70% di tutto lo stomaco viene asportata, mentre lo stomaco che rimane assume la forma di una “manica” (= sleeve) ed avrà un volume di circa 100-150ml.

 

L’Asportazione del fondo gastrico riduce la produzione di Grelina , l’ormone responsabile della fame.

Ne consegue ovviamente una forte riduzione dell'appetito ed una sazietà che arriva in maniera precoce (cioè dopo pochi bocconi): il quantitativo di cibo assunto è quindi molto ridotto con conseguente perdita di peso.

 

 

E’ un intervento irreversibile?

 

Si.  non è infatti possibile recuperare la porzione di stomaco che subisce resezione.

 

Quali sono gli effetti di questo tipo di intervento?

 

In seguito a questo intervento si registra, nei primi sei mesi, un calo ponderale notevole (circa il 60% e oltre del sovrappeso) e senza sforzi eccessivi.

Nel lungo periodo però rimane fondamentale la capacità del paziente di mantenere le nuove abitudini alimentari acquisite grazie alla sleeve, e di proseguire quindi nel regime alimentare consigliato limitando il più possibile cibi dolci e cibi spazzatura.

 

 

La sleeve gastrectomy è dolorosa o pericolosa?

SI tratta di un intervento chirurgico, con tutte le possibili complicazioni della chirurgia addominale.

Le principali complicanze, ridotte ormail allo 0,5% grazie al’alto volume di interventi effettuati, sono rappresentate da:

  • Fistola , o sezione gastrica;
  • insufficiente calo ponderale, spesso dovuto al fatto che il paziente continua a non cambiare le proprie errate abitudini alimentari, o ad un tubulo gastrico troppo largo
  • dilatazione della tasca gastrica, soprattutto conseguente ad eccessi alimentari. Ne consegue la capacità di introdurre progressivamente più cibo, e quindi un arresto del dimagrimento o un recupero di peso. La correzione della dilatazione può richiedere un nuovo intervento chirurgico

 

Quali pazienti possono effettuare la sleeve gastrectomy?

Per le sue caratteristiche è un intervento che si può effettuare nella maggioranza dei casi. Ma nei i casi più severi di diabete tipo 2 o di reflusso gastroesofageo è più indicato un bypass gastrico.

Inoltre, è giusto avvisare chi ha un BMI superiore a 50 che è più facile che l'intervento di Sleeve nel tempo possa portare ad un recupero di peso. In tal caso sarà possibile che venga proposto, nell'ambito di una terapia cosiddetta "sequenziale", un secondo intervento chirurgico più potente.

 

Come cambia l’alimentazione dopo l’intervento?

Questa tipologia di intervento è di tipo restrittivo, quindi riducendo lo stomaco si vanno a ridurre anche i pasti facendoli arrivare ad essere piccoli e frequenti. Sarà necessaria una integrazione multivitaminica e di oligoelementi per i primi mesi dopo l’intervento.

Dopo l’intervento il paziente dovrà seguire una dieta per l’inserimento graduale degli animali. Quando avrà finito l’inserimento di tutti gli alimenti, il paziente si nutrirà con molto meno cibo di quanto facesse prima, si pensi che una persona operata per alcuni mesi si sazierà con 30 grammi di riso o di 50 grammi di pesce. Dopo diverso tempo si mangia un po’ di più, ma le quantità saranno sempre molto ridotte e naturalmente bisogna insegnare al paziente a mangiare cibi di qualità.

 

Qual è il Follow-up?

Le visite di controllo sono fondamentali per ottimizzare la perdita di peso e per prevenire o trattare alcune possibili complicazioni, soprattutto deficit nutrizionali

 

 

Questo sito potrebbe utilizzare cookie per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Chiudendo questa notifica acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. Leggi di più